La patata della Sila

IMG_2749

La patata della Sila è un’altra eccellenza della Calabria a cui è stata riconosciuta l’ IGP (Indicazione Geografica Protetta). Questo tubero cresce nell’Altopiano della Sila e comprende i seguenti territori: Acri, Aprigliano, Bocchigliero, Celico, Colosimi, Longobucco, Parenti, Pedace, Rogliano, San Giovanni in Fiore, Serra Pedace, Spezzano della Sila, Spezzano Piccolo, in provincia di Cosenza ed i comuni di Albi, Carlopoli, Cicala, Confluenti, Decollatura, Magisano, Martirano, Martirano Lombardo, Motta S.Lucia, Serrastretta, Sorbo San Basile, Soveria Mannelli, Taverna in provincia di Catanzaro. (Fonte: Consorzio Patata della Sila)

Questo tipo di patata si presta ad ogni tipo di preparazione ed è consigliata soprattutto per la frittura. Il clima della Sila secco d’estate e freddo d’inverno, le acque sorgive presenti sul territorio e la quasi totale assenza di agenti inquinanti nelle zone in quanto la coltivazione avviene in aree prive di attività industriale, fanno si che questo prodotto non debba essere sottoposto ad eccessivi trattamenti antiparassitari. La patata della Sila è rinomata sopratutto per le sue proprietà organolettiche e per le sue ottime capacità di conservazione.

La patata è protagonista in cucina, come dimostrano le tantissime ricette della tradizione, dalla gustosissima pasta con patate e zucchine alle frittelle; inoltre anima le tante sagre di molti piccoli paesi calabresi che attirano ogni anno molti turisti in occasione di questo tipi di eventi.

Maggiori informazioni sulla patata della Sila sono disponibili sul sito del Consorzio: www.patatadellasila.it .

La conserva di peperoni rossi

Conserva peperoni

La conserva di peperoni rossi è una tradizione calabrese molto conosciuta poiché essa viene utilizzata nella preparazione di salami e soppressate. Per prepararla sono necessari dei peperoni rossi maturi, questi dovranno essere privati del peduncolo e della sementa interna e lavati molto accuratamente. Una volta terminata questa operazione metteremo i nostri peperoni a bollire in acqua.

CAM00966

Una volta bolliti, scolarli molto bene affinché non rimanga acqua e successivamente frullarli con la stessa macchina che viene utilizzata per la preparazione della conserva di pomodoro. Una volta frullati mettere il composto di peperoni in appositi vasetti sterilizzati, tapparli ben bene e metterli a bollire.

CAM00973

Oltre ad essere un ottimo conservante ed aroma naturale del salame, la conserva di peperone rosso può essere utilizzata anche per condire la pasta come mi racconta la signora Elisabetta, la gentilissima signora di Filadelfia che mi ha permesso di fotografare le varie fasi della preparazione della conserva, l’importante è che una volta aperto il vasetto lo conserviate in frigorifero con l’aggiunta di un po’ di olio in modo che duri più a lungo.